Un veliero in Oltrepo, tra storia e leggenda, il Buttafuoco Storico protagonista di Enogustando aprile

IMG_1161Un veliero è impresso nelle bottiglie dei produttori del Club del Buttafuoco Storico e la leggenda, che è alla base di questo particolare marchio, ci è stata narrata direttamente dal presidente del Consorzio Giulio Fiamberti e dal Direttore dello stesso Armando Colombi intervenuti al Barbaresco di Legnano a presentare ai nostri appassionati il Buttafuoco, in occasione della serata di Enogustando aprile.

IMG_1146La serata è iniziata con la presentazione delle caratteristiche fondamentali che sono alla base del Buttafuoco Storico: 1) la diversa tipologia di vitigni (Croatina, Barbera, Uva Rara e Ughetta) che lo compongono; 2) il fatto che ciascun Buttafuoco viene sempre identificato con il nome della singola vigna di origine; 3) la particolarità che le uve che lo compongono debbono provenire da un unico vigneto, debbono essere raccolte lo stesso giorno e vinificate tutte assieme.

           IMG_1151          IMG_1152

Il Buttafuoco Storico sorge su una porzione di terreno collinare che si protende sulla Pianura Padana denominata "Sperone di Stradella". I tredici produttori che si ritrovano nel Club del Buttafuoco Storico sono distribuiti all'interno di questo terreno a sua volta suddiviso in tre sottozone che conferiscono al vino differenti caratteristiche: le ghiaie, le arenarie, le argille.

IMG_1150IMG_1157Il vino non può essere messo in commercio prima di 36 mesi dalla vendemmia e su ciascuna bottiglia viene applicato un bollino numerato su cui sono presenti un numero variabile di fiamme (sino a 5) per contraddistinguire la qualità delle diverse annate.

 

Cinque i vini proposti in degustazione.

IMG_1148Per cominciare la cuvée prodotta dai "Vignaioli del Buttafuoco Storico Annata 2012", un blend delle vigne storiche realizzato ogni anno in quantità limitata con la firma dell'enologo che nè ha curato l'assemblaggio.

  1. Il Buttafuoco Doc 2011 "Vigna Sacca del Prete" del produttore Fiamberti
  2. Il Buttafuoco Doc 2011 "Vigna Montarzolo" di Davide Calvi
  3. Il Buttafuoco Doc 2010 "Vigna Pitturina" di Rebasti
  4. Il Buttafuoco Doc 2007 "Vigna Pitturina" di Rebasti, annata contraddistinta dalle 5 fiamme

IMG_1164Un'ottima serata che ha soddisfatto gli enoappassionati anche grazie al pathos dei protagonisti del Buttafuoco che hanno saputo raccontarci (e raccontarsi) le diverse sfacettature di questo longevo vino dell'Oltrepo.

IMG_1154IMG_1156IMG_1155IMG_1162

IMG_1163

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *